Cane sulla neve, tutti i consigli utili su come proteggere il nostro pelosetto dal freddo

Portare il tuo cane sulla neve può trasformarsi in un’esperienza indimenticabile o in un potenziale stress, sia per te che per il tuo fedele compagno. La chiave per una giornata felice con il tuo cane sulla neve sta nel comprendere quanto il tuo amico a quattro zampe sia abituato alle condizioni invernali e nell’organizzare adeguatamente l’escursione in montagna.

I cani, in generale, adorano l’esperienza di giocare sulla neve e per loro, una passeggiata breve in questo ambiente invernale è spesso fonte di grande divertimento. Tuttavia, quando si programma di trascorrere un tempo prolungato in montagna con il proprio cane sulla neve, è importante considerare alcuni fattori essenziali.

Prima di pianificare un’intera giornata con il tuo cane sulla neve, valuta il suo livello di comfort con il freddo e le sue precedenti esperienze in ambienti innevati. Una preparazione adeguata può fare la differenza tra una giornata di divertimento e una di difficoltà. Ricordati che ogni cane sulla neve ha esigenze diverse e, come tale, merita un’attenzione speciale per garantire la sua sicurezza e il suo benessere durante l’avventura invernale.

Consigli utili per portare il cane sulla neve

Portare il tuo cane sulla neve richiede alcune considerazioni fondamentali. Non tutte le razze canine sono a loro agio in ambienti freddi e nevosi, e ciò è particolarmente vero per molti cani che sono abituati alla vita domestica. Questi animali potrebbero non avere sviluppato le caratteristiche necessarie per affrontare le rigide condizioni invernali. Inoltre, i cani più energetici corrono il rischio di perdersi o di trovarsi in situazioni di pericolo, mentre alcuni possono adottare comportamenti, come mangiare la neve, che, pur non essendo gravemente dannosi, possono risultare fastidiosi. Per questo motivo, è essenziale avere una profonda comprensione delle abitudini e delle necessità del proprio cane, e in caso di dubbi, è sempre una buona idea consultare un veterinario di fiducia prima di decidere di trascorrere una giornata sulla neve con il proprio amico a quattro zampe.

Soffrono il freddo i cani sulla neve?

La sensibilità al freddo varia significativamente tra le varie razze di cani. Quelli comunemente definiti “cani da borsetta”, che includono razze di piccola taglia come i Chihuahua, i Pinscher Nani, i Maltesi Nani, i Barboncini e i Bolognesi, tendono a soffrire di più le basse temperature. Questi cani, spesso magri e con poco pelo, possono iniziare a provare disagio anche a temperature relativamente miti, intorno ai 5°C, rendendo utile l’uso di un cappottino. Tuttavia, è importante ricordare che questi cani non sono ideali per lunghe passeggiate sulla neve, limitandosi di solito a brevi uscite per i loro bisogni quotidiani. Per le altre razze meno sensibili, il freddo non dovrebbe rappresentare un problema significativo. Ciò detto, se un cane è abituato a trascorrere la maggior parte del tempo al chiuso, potrebbe non avere sviluppato il pelo, il sottopelo o la massa corporea necessari a sopportare climi più freddi, risultando quindi più vulnerabile alle temperature invernali più rigide.

Quando serve mettere il cappottino al cane?

L’uso di un cappottino per i “cani da divano” durante le passeggiate sulla neve può variare a seconda delle circostanze. Se la passeggiata prevede un ritmo lento e il cane è al guinzaglio senza spazio per correre e giocare, allora un cappottino potrebbe essere necessario per mantenerlo al caldo. D’altra parte, se il cane ha l’opportunità di muoversi liberamente e riscaldarsi attraverso il gioco, il cappottino potrebbe risultare eccessivo e causare un sovrariscaldamento.

In ogni situazione, è fondamentale prestare attenzione agli shock termici. Ad esempio, dopo un viaggio in auto con il riscaldamento acceso, arrivare in una zona con temperature ben al di sotto dello zero potrebbe non essere l’ideale per lunghe passeggiate. In questi casi, sarebbe meglio optare per una breve uscita per i bisogni del cane, rimandando una camminata più estesa al giorno successivo, quando il cane può godersi appieno il tempo all’aria aperta in compagnia.

Servono o no le scarpette per il nostro amico a 4 zampe?

Le scarpette per cani sono un accessorio essenziale per la cura del tuo amico a quattro zampe, specialmente in condizioni ambientali sfidanti come la neve o il ghiaccio. Se il tuo cane passa molto tempo al chiuso, non è abituato a temperature molto basse e si trova a dover affrontare passeggiate sulla neve, l’utilizzo di scarpette per cani diventa cruciale per proteggere le sue delicate zampe.

Durante le brevi uscite quotidiane, specialmente in inverno, le scarpette per cani possono prevenire il congelamento dei grumi di neve sotto le zampe, che può causare disagio o persino ferite. Queste scarpette sono particolarmente utili per i cani che vivono principalmente in ambienti domestici e non sono abituati alle rigide temperature invernali.

Un segnale che il tuo cane potrebbe beneficiare dell’utilizzo di scarpette per cani è se inizia a mordicchiare o leccare le sue zampe durante o dopo le passeggiate sulla neve. Questo comportamento è spesso un indicatore che le zampe stanno subendo il disagio causato dal freddo o dai grumi di ghiaccio.

Se stai pianificando attività più lunghe come ciaspolate o trekking invernali con il tuo cane, le scarpette per cani diventano ancora più importanti. Oltre a proteggere dal freddo e dal ghiaccio, le scarpette possono anche fornire una barriera contro il sale spargi-strade, che può essere irritante o addirittura tossico se leccato dal tuo cane.

Come trattare le zampe del cane dopo una giornata sulla neve?

In genere, non c’è bisogno di interventi particolari, ma se noti che il tuo cane lecca o morde le sue zampe, potrebbe essere utile lavarle delicatamente con acqua a temperatura ambiente, evitando l’uso di sapone per non seccare i polpastrelli. Se le zampe presentano piccole screpolature o tagli, l’applicazione di una crema alla calendula può essere efficace per alleviare il fastidio. Tuttavia, in caso di ferite più serie, è importante consultare un veterinario, che potrebbe considerare necessario l’utilizzo di antibiotici.

Il cane sulla neve deve stare al guinzaglio?

Tenere il cane al guinzaglio è una pratica consigliata per responsabilità, come suggeriscono i veterinari e come impone la legge. Nonostante ciò, è comune che molti proprietari lascino i loro cani liberi di esplorare in montagna, anche durante attività come lo scialpinismo o le escursioni con le ciaspole. Questa scelta dipende molto dal carattere e dal comportamento del singolo cane: alcuni restano vicini e rispondono ai comandi, mentre altri tendono a esplorare lontano dai loro padroni.

I cani da città potrebbero non essere abituati ai pericoli delle montagne innevate, come la neve instabile che può cedere sotto il loro peso o le lastre di ghiaccio nascoste. Questi fattori possono rappresentare un rischio significativo per la loro sicurezza. Inoltre, in presenza di neve alta, un cane non abituato a tale ambiente potrebbe facilmente perdere la traccia del proprietario e smarrirsi.

In caso di incertezza, la scelta più sicura è tenere il cane al guinzaglio. È consigliabile lasciarlo giocare liberamente solo in zone pianeggianti con neve morbida e priva di ghiaccio. Per una maggiore tranquillità, l’utilizzo di un GPS da collare può essere utile, pur tenendo a mente che il segnale GPS può non essere sempre stabile o disponibile in montagna.

Cosa fare se il cane mangia la neve?

L’ingestione eccessiva di neve da parte dei cani può trasformarsi in un problema, anche se non è necessario vietare completamente questa attività. I cani sono naturalmente curiosi verso la neve e, come i bambini, trovano piacere nel giocare con qualcosa di morbido e fresco. Il vero problema sorge quando ingeriscono troppa neve, portando a disturbi intestinali che possono variare da lievi congestionamenti a irritazioni o gastroenteriti più serie.

Bestseller N. 1
Purina Friskies Crocchette Cani Adulti con Manzo, Cereali e Verdure, 7 kg
Purina Friskies Crocchette Cani Adulti con Manzo, Cereali e Verdure, 7 kg
Aiuta a supportare le difese naturali; Con una combinazione di proteine di origine animale e vegetale, come i cereali
20,40 EUR

Se, dopo una giornata trascorsa sulla neve, il tuo cane inizia a vomitare o soffre di diarrea, potrebbe essere un segno che ha mangiato troppa neve. In questi casi, un periodo breve di digiuno e l’applicazione di una borsa dell’acqua calda sulla pancia mentre riposa di solito aiutano. Se però i sintomi persistono, il cane mostra segni di disagio, rifiuta cibo e acqua, appare letargico o ci sono tracce di sangue, è importante consultare il veterinario senza indugi.

Il sole è pericoloso per il cane durante la passeggiata sulla neve?

Sì, proprio come per gli esseri umani, il sole riflettente sulla neve può essere dannoso anche per i cani. È importante proteggere la pelle, le mucose e gli occhi dei nostri amici a quattro zampe, soprattutto nelle zone esposte e prive di pelo, come il tartufo. Per queste aree delicate, si possono utilizzare balsami naturali specifici che sono progettati per fornire una protezione efficace e sicura.