Coronavirus, crisi turismo necessarie misure di lungo periodo

0
49
Coronavirus, crisi turismo necessarie misure di lungo periodo

Come sapete a causa del Coronavirus il turismo in montagna ha subito dei danni ingenti per via della chiusura anticipata della stagione invernale, ma questa situazione è comune nell’intero comparto turistico italiano. Secondo i dati elaborati dal Cerved e comunicati dall’associazione Federturismo i prossimi mesi saranno tremendi e se il governo non interverrà molti operatori dovranno chiudere le loro aziende.

A lanciare l’allarme è la vicepresidente di Federturismo Confindustria Marina Lalli: “Nonostante il pensiero di tutti sia in questo momento rivolto innanzitutto alla tutela della salute, non possiamo lasciare da solo il sistema economico e occorre fare subito qualcosa per il settore del turismo attraverso interventi immediati e misure di aiuto di lungo periodo”.

Secondo uno studio della Cerved si stima che se l’emergenza del coronavirus finisse a maggio, per le imprese italiane nel 2020-2021, verrebbe bruciato un giro d’affari complessivo di 275 miliardi di euro, ma nel caso in cui l’emergenza dovesse protrarsi fino a dicembre, la perdita sarebbe di 641 miliardi.
Nello specifico il fatturato degli alberghi scenderebbe dai 12,5 miliardi del 2019 ai 3,3 miliardi di quest’anno con un crollo del 73% che sarebbe seguito da agenzie di viaggio, tour operator (- 68%) e aeroporti (-50%).

“Le imprese italiane, e quelle del turismo in primis, rischiano il collasso – continua ancora Lalli – e se il Governo non integrerà il prima possibile i provvedimenti già adottati potremmo non essere più in grado di garantire i livelli occupazionali e la sopravvivenza delle nostre aziende”.

No products found.