Gli sci Stöckli nella bufera, la Comco ha aperto un’inchiesta

[amazon_link asins=’B01EAR6LIS,B07953WRBJ’ template=’ProductCarousel’ store=’jayconsulting-21′ marketplace=’IT’ link_id=’2286840a-da06-11e8-bcec-99afbe8dd94e’]

La famosa azienda di sci Stöckli tra l’altro l’unica rimasta a fabbricare sci in Svizzera in questi giorni è nella bufera in quanto la Comco (Commissione della concorrenza) ha aperto un’inchiesta per far luce su contratti non legali tra la Stoeckli e la sua rete vendita.

[amazon_link asins=’B0759TRHZK,B01LJLOIQU,B01L9ELD42,B00NOVKRT6,B00O1U9RB8,B00O37VU4Q,B01M7PGW8Z,B00AAGPOW8,B0062INPV0′ template=’ProductCarousel’ store=’jayconsulting-21′ marketplace=’IT’ link_id=’2c82ab32-da06-11e8-a597-fbcb20c7ed29′]

Vediamo in dettaglio quali sarebbero gli accordi illegali tra l’azienda Stöckli Swiss Sports AG con sede a Wolhusen, nel canton Lucerna ed i suoi distributori:

  • prezzi di vendita imposti ai negozianti
  • divieto di vendita degli sci nel web
  • divieto di scambi di merce tra distributori
Articolo precedenteIncredibile Dust Evil sulle piste da sci di La Rosière nel comprensorio sciistico Espace San Bernardo
Articolo successivoLo scalda naso, il regalo di Natale per i più freddolosi