Gli sci Stöckli nella bufera, la Comco ha aperto un’inchiesta

0
1086

[amazon_link asins=’B01EAR6LIS,B07953WRBJ’ template=’ProductCarousel’ store=’jayconsulting-21′ marketplace=’IT’ link_id=’2286840a-da06-11e8-bcec-99afbe8dd94e’]

La famosa azienda di sci Stöckli tra l’altro l’unica rimasta a fabbricare sci in Svizzera in questi giorni è nella bufera in quanto la Comco (Commissione della concorrenza) ha aperto un’inchiesta per far luce su contratti non legali tra la Stoeckli e la sua rete vendita.

[amazon_link asins=’B0759TRHZK,B01LJLOIQU,B01L9ELD42,B00NOVKRT6,B00O1U9RB8,B00O37VU4Q,B01M7PGW8Z,B00AAGPOW8,B0062INPV0′ template=’ProductCarousel’ store=’jayconsulting-21′ marketplace=’IT’ link_id=’2c82ab32-da06-11e8-a597-fbcb20c7ed29′]

Vediamo in dettaglio quali sarebbero gli accordi illegali tra l’azienda Stöckli Swiss Sports AG con sede a Wolhusen, nel canton Lucerna ed i suoi distributori:

  • prezzi di vendita imposti ai negozianti
  • divieto di vendita degli sci nel web
  • divieto di scambi di merce tra distributori


Booking.com