Sibillini, Calzolaio in dirittura d’arrivo

0
174

di PIERFRANCESCO GIANNANGELI

MACERATA La lunga settimana del Parco dei Sibillini – cominciata con le indiscrezioni sulla futura presidenza e proseguita con la visita del ministro Alfonso Pecoraro Scanio a Bolognola – si è chiusa con un'affermazione di principio di lapalissiana evidenza: la nomina del nuovo presidente sarà affare del ministero dell'Ambiente, di concerto con le Regioni Marche e Umbria. E fin qui niente di nuovo sul piano delle procedure. Più interessante è la questione relativa ai tempi: bisognerà stringerli, perché gli incontri risolutori ci saranno nelle prossime settimane, in quanto il commissario Sauro Turroni tornerà a tempo pieno al suo lavoro di senatore della maggioranza il 31 luglio, dunque tra meno di un mese.
Su questi aspetti, a Bolognola il ministro è stato chiaro, durante la sua visita per la consegna dei camosci dal Parco della Majella a quello dei Sibillini. «Convocherò i presidenti di Marche e Umbria entro la fine del mese – ha dichiarato Pecoraro Scanio – per ascoltarli e dunque procedere alla nomina». E ha aggiunto: «Turroni è bravo e appunto per questo mi serve a Roma ». Come dire che il commissariamento è bello quando è tale, cioè dura poco (opinione evidentemente opposta doveva avere il ministro Matteoli, visto che l'incarico di commissario per Aldo Cosentino è durato anni), e che non si derogherà per nessun motivo rispetto alla "dead line" del 31 luglio, data di scadenza per Sauro Turroni al vertice del Parco dei Sibillini. Se così non sarà, qualcuno rischia la figuraccia.

dal Messagero del 2 Luglio 2006

Booking.com