Sibillini, il camoscio torna con l’elicottero

0
154
VISSO – Dalla Val di Rose, nel cuore del Parco nazionale d’Abruzzo, saranno trasferiti con elicotteri del Corpo Forestale dello Stato sulle praterie del Monte Bove, nel Parco dei Monti Sibillini: così alcuni esemplari di camoscio appenninico andranno a ripopolare le montagne del centro Italia, nell’ambito di un Piano d’azione che ha l’obiettivo di conservare la specie. Le operazioni cominceranno lunedì prossimo; una seconda fase è prevista nel 2007. Il relativo documento tecnico è stato elaborato da una commissione scientifica composta da esperti dell’Istituto nazionale per la fauna selvatica (Infs), del Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio, del Pnalm e dell’Università di Siena. “Dopo il successo nei parchi abruzzesi – dichiara il direttore del Pnalm, Di Benedetto – anche nel Parco dei Monti Sibillini tornerà a vivere lo splendido ungulato, simbolo degli ambienti rupestri dell’Appennino centrale”. Il direttore del Parco dei Sibillini, Alfredo Fermanelli, ha definito l’iniziativa “storica, in quanto rappresenta non solo elemento di recupero e salvaguardia degli equilibri ecologici dei Sibillini, ma anche e, soprattutto, un intervento straordinariamente importante per il futuro e la sopravvivenza del camoscio appenninico”, specie unica al mondo di cui, agli inizi del secolo scorso, era sopravvissuta solo una piccola popolazione sulle balze rocciose della Camosciara, nel Pnalm.

dal Corriere Adriatico

Booking.com