Inaugurazione della nuova seggiovia Pian dell’Arco a Frontignano di Ussita

La “Pian dell’Arco-Belvedere” potrà trasportare 2400 persone in un’ora Presenti autorità civili e religiose all’apertura dell’impianto di Frontignano

Inaugurazione a Ussita, anche se manca la neve

Festa per la seggiovia

USSITA – E’ stata la neve l’unica grande assente alla cerimonia che si è tenuta nella mattina di ieri, a Frontignano di Ussita, per inaugurare la nuovissima seggiovia “Pian dell’Arco – Belvedere”.

A cominciare dai rappresentanti della vita politica regionale e provinciale, fino alle autorità militari e civili, nessuno è voluto mancare all’atteso appuntamento. Mattatore d giornata il sindaco di Ussita, Sergio Morosi, che ha illustrato le tappe che hanno portato alla realizzazione del nuovo impianto.

Una struttura che è costata circa 2.600.000 euro e che, oggi, qualifica ancora di più la stazione sciistica di Frontignano, ma non solo. “Oggi – ha detto il sindaco Sergio Morosi – non dobbiamo essere solo noi di Ussita a far festa, ma tutta la montagna e, perché no, l’intera regione che può contare su un servizio in più da mettere a disposizione, soprattutto, dei turisti”. Non a caso, alla cerimonia di ieri c’erano anche l’assessore regionale, Pietro Marcolini, il presidente della Provincia di Macerata, Giulio Silenzi, e quello della Comunità Montana di Camerino, Luigi Gentilucci. Nessuno di loro, dopo la breve conferenza che si è tenuta nella sala dell’Hotel Felicita, si è voluto perdere l’occasione di fare un giro sul nuovissimo impianto, in grado di trasportare oltre 2400 persone in un’ora.

La cerimonia, infatti, si è spostata subito sulle piste, purtroppo ancora rimaste senza neve, ed è proseguita con il tradizionale taglio del nastro. Monsignor Giancarlo Vecerrica, vescovo di Fabriano e Matelica ed amministratore apostolico della diocesi di Camerino – San Severino Marche, ha impartito la benedizione, ricordando che ogni buona opera dell’uomo è il frutto del volere di Dio e augurando un sempre maggiore sviluppo all’area montana della nostra provincia. Un’augurio che sembra essere stato subito ben accolto dal sindaco Morosi e dagli altri presenti visto che, già per il 2008, dovrebbe essere pronto un nuovo progetto per procedere alla costruzione di un altro nuovo impianto.

dal Corriere Adriatico

Articolo precedenteForca Canapine nuova vita al rifugio
Articolo successivoFesteggiati 20 anni di ricerche tra Italia e Usa che hanno destato l’interesse mondiale