Il Giro del Sellaronda anche noto come Giro dei Quattro Passi

0
700

Siete appassionati di montagna e di sci?
Avete voglia di emozioni nuove che vanno oltre le piste?

Il Giro del Sellaronda è quello che fa per voi!
Considerato infatti come l’itinerario sciistico italiano più famoso, il giro del Sellaronda collega ben 4 vallate attraverso 4 passi, da cui anche il nome Giro dei Quattro Passi (Pordoi, Sella, Gardena e Campolongo).
La location d’eccellenza, le Dolomiti, ne fanno già un’esperienza unica, talmente frequentata dai turisti che gli enti del territorio si sono attrezzati per creare altri itinerari alternativi in modo da decongestionare il tragitto del Giro. Insomma, il giro della Sellaronda permette, sci ai piedi, di toccare le località di Canazei e la Val di Fassa, la Val Gardena con Santa Cristina e Selva, l’Alta Badia (Corvara, Colfosco…) e Arabba. Inoltre, sempre senza togliervi gli sci, potrete raggiungere anche Malga Ciapela – Marmolada, Ortisei, La Villa, Pedraces e San Cassiano.

Durata Giro del Sellaronda

Il giro del Sellaronda si può fare anche in una sola giornata, toccando appunto i 4 passi attorno al massiccio del Sella. Inoltre è possibile percorrere il tragitto nei due sensi, partendo da ognuna delle valli. Per chi viaggia in senso orario la segnaletica da seguire è arancione, mentre per l’antiorario il colore è il verde. In totale il percorso è di 40 km, di cui ben 26 sono piste da sci. Per effettuare il giro occorre una media capacità di sciare.

Simulazione percorso partendo da Selva

Il giro dela Sellaronda, proprio come indica il nome, è una sorta di cerchio che potete percorrere sci ai piedi: vediamone nel dettaglio le caratteristiche simulando il percorso arancio, in senso orario, partendo da Selva. Una volta partiti salirete al Passo Gardena con la seggiovia Costabella e con la telecabina Dantercepies. Da qui scenderete in maniera molto dolce e tranquilla, godendo del panorama, fino a Corvara, per poi prendere ancora in discesa la seggiovia Borest ed arrivare in paese. Qui prendete la telecabina Boè e scendete fino a Campolongo lungo la pista rossa, per poi arrivare ad Arabba grazie alla seggiovia esaposto. Ancora una bellissima e lunga discesa fino ad Arabba, paese che attraverserete a piedi e sci in spalla per circa 200 metri, per poi prendere la telecabina Porta Europa o il Funifor per Porta Vescovo.

Il percorso prosegue ancora in discesa per poi risalire verso le zone del Passo Pordoi con le seggiovie coperte Fodom e Lezuo. Qui siamo a Sas Becè, a 2395 metri, e da qui si scende fino ai 1715 metri di Pian Frantaces. Ancora un’altra lunga risalita in telecabina (Pradel-Rodella) e nella seggiovia Cavazes-Grohmann, per poi effettuare l’ultima discesa, molto lunga ma anche molto semplice fino alla seggiovia Piz Seteur-Sole e poi alla seggiovia Fungeia, che vi faranno evitare i tratti in pianura. Così siete tornati a Selva! Partendo ancora da Selva ma facendo il percorso verde, il giro è lo stesso ma all’inverso: salita verso Passo Sella, telecabina Ciampinoi e poi discesa verso Plan de Gralba. Ancora salita con 3 seggiovie e poi una pista pianeggiante tra le rocce, prima di un’altra seggiovia. Entrerete nel comprensorio di Canazei ed una lunga discesa vi porterà al rifugio Lupo Bianco da dove salirete con la telecabina Pian Frataces-Gherdecia e con la seggiovia Saas Becè. Da qui, prima di scendere, godetevi il panorama! Scesi ad Arabba farete il paese a piedi, per poi risalire a monte con due seggiovie e, dopo una breve discesa, vi troverete a Passo Campolongo sulla seggiovia Costarotta. Discendendo il bosco arriverete a Corvara, da dove risalirete con due seggiovie e con la telecabina. Unltima discesa sulla pista Cir verso Selva, punto di arrivo.

Scarica la cartina del giro del Sellaronda con gli sci

Scopri anche il giro della Grande Guerra