Monte Prata, nuove opere e progetti di riqualificazione per lo sci

La stazione sciistica del Monte Prata è una delle più conosciute della Regione Marche, ed era, prima del sisma del 2016, una delle più frequentate. La sua posizione ne fa certamente un centro attraente. La zona si trova infatti al confine tra Marche e Umbria, vicina a centri come Foligno, Terni, Perugia, Fabriano e Macerata. Per gli appassionati un vero paradiso, visto che qui l’innevamento è superiore che in ogni altra zona dei Sibillini. La quota altimetrica è compresa tra i 1550 e i 1790 metri e i periodi migliori nei quali sciare sono l’inizio e la fine della stagione.

Una zona sciistica che era parte integrante del tessuto economico della vallata, e che quindi deve tornare ad essere operativa nel più breve tempo possibile, dopo la chiusura a causa dei danni subiti dal sisma del 2016, che hanno colpito in maniera importante il Comune di Castelsantangelo sul Nera, dove sorgono gli impianti.

Ecco perché la progettazione di riqualificazione dell’intera zona e le nuove opere in previsione stanno marciando spedite. L’Ufficio Speciale Ricostruzione ha rideterminato il contributo fissandolo a 258.013 euro e ha liquidato il primo acconto del 60% al Comune per il ripristino della seggiovia biposto Valle dell’Angelo. Il progetto di ripristino interessa però tutta la zona limitrofa alla stazione a valle, proprio nel pianoro dove confluiscono le piste. Qui si punta a migliorare sismicamente le infrastrutture civili, funiviarie ed elettromagnetiche dell’impianto scioviario che si trova sulla sommità del monte.

La totalità dei lavori, come si legge nel sito della Regione Marche, prevede nello specifico: opere edili per l’adeguamento sismico della stele di valle, il ripristino della vasca del tappeto di imbarco, opere di sistemazione dell’impianto funiviario, controlli e verifiche sulla parte elettrica dell’impianto e sulle apparecchiature di comando e controllo della seggiovia e degli interruttori generali.

Molti sono però i lavori da fare, soprattutto per quello che riguarda la sostituzione della seggiovia ormai giunta a fine vita tecnica e per i rifugi. La baita ad esempio è completamente da ricostruire, e anche il punto ristoro Nido delle Aquile è in attesa che qualcuno sia pronto alla gestione. Nel frattempo però la Provincia ha iniziato ad asfaltare sia il piazzale che ospita il parcheggio della stazione sciistica, sia la provinciale che parte dalla chiesetta della Madonna della Cona, con sostituzione anche dei guard rail. Per la definitiva accessibilità manca solo la segnaletica orizzontale.

Novità impianti di risalita e non solo a Monte Prata

Il Sindaco di Castelsantangelo Mauro Francucci, svela poi i pianti di ripristino di tutta la zona, grazie ai fondi del Pnc.

Nuova seggiovia biposto

La progettazione riguarda: “la sostituzione della seggiovia ormai giunta a fine vita tecnica, la seggiovia biposto sostituirà lo skilift. Sarà costruito un sottopasso per evitare di attraversare le piste, che ospiterà i locali tecnici e la biglietteria.

Rifugio Nido delle Aquile rinnovato

Il Nido delle Aquile sarà completamente rinnovato.

Laghetto di accumulo in quota per pascoli e per innevamento artificiale

Abbiamo raggiunto con il parco nazionale dei Sibillini l’accordo per realizzare in quota un laghetto di accumulo da circa 7mila metri cubi, con due cisterne sotto terra. Avrà la funzione di riserva d’acqua per abbeverare gli animali al pascolo e servirà anche per l’impianto di innevamento artificiale. La quota dove si trovano gli impianti è in alto la zona e ben coperta, per poter usare la neve artificiale.

Nuove attività come escursioni, trekking e mountain bike

Bisogna puntare a mantenere la stazione in attività tutto l’anno, anche in estate con escursioni, trekking e mtb”.

L’affidamento della progettazione definitiva è in via di definizione, e sarà affidata anche l’esecuzione dei lavori per un importo di 4 milioni e 458mila €. Ci saranno tempi tecnici da rispettare, ma tra qualche anno il Monte Prata riprenderà a vivere.

Bestseller N. 1
Salomon Original Gearbag Borsa per Scarponi da Sci Unisex, Utilizzo semplice, Resistenza nel tempo ottimizzata, Accesso facile
Salomon Original Gearbag Borsa per Scarponi da Sci Unisex, Utilizzo semplice, Resistenza nel tempo ottimizzata, Accesso facile
Borsa per l'equipaggiamento da sci semplice ma resistente; Borsa semplice e pratica per organizzare e trasportare il tuo equipaggiamento
35,00 EUR
OffertaBestseller N. 2
Salomon Original Gearbag Borsa per Scarponi da Sci Unisex, Utilizzo semplice, Resistenza nel tempo ottimizzata, Accesso facile
Salomon Original Gearbag Borsa per Scarponi da Sci Unisex, Utilizzo semplice, Resistenza nel tempo ottimizzata, Accesso facile
Borsa per l'equipaggiamento da sci semplice ma resistente; Borsa semplice e pratica per organizzare e trasportare il tuo equipaggiamento
30,95 EUR
Bestseller N. 3
Aspen Sport Skischuhtasche, Borsa per Scarponi da Sci. Unisex-Adulto, Nero, 40 x 24 x 41 cm, 40 Liter
Aspen Sport Skischuhtasche, Borsa per Scarponi da Sci. Unisex-Adulto, Nero, 40 x 24 x 41 cm, 40 Liter
Materiale: poliestere 600D con rivestimento in PVC; dimensioni: 40/24/41 cm; Tracolla imbottita regolabile
26,46 EUR
Bestseller N. 5
ATOMIC BOOT & HELMET BAG, Borsa per Scarponi e Caschi, Poliestere, Unisex Adulto, Taglia Unica, Rosso/Rosso (Rio Red)
ATOMIC BOOT & HELMET BAG, Borsa per Scarponi e Caschi, Poliestere, Unisex Adulto, Taglia Unica, Rosso/Rosso (Rio Red)
Borsa per il trasporto comodo e sicuro di un paio di scarponi da sci e un casco
43,95 EUR
Bestseller N. 6
Fischer Alpine Eco - Borsa da sci, colore: Nero/Bianco
Fischer Alpine Eco - Borsa da sci, colore: Nero/Bianco
Materiale: 100% poliestere; Dimensioni: 40 x 40 x 24 cm; Cerniera a 2 vie, tasca a rete; Tracolla imbottita, occhiello di ventilazione
26,46 EUR
Bestseller N. 7
Head Bootbag, Borsa da Sci Unisex-Adulto, Antracite o Giallo, 383072
Head Bootbag, Borsa da Sci Unisex-Adulto, Antracite o Giallo, 383072
Borsa protettiva per un paio di stivali e casco o accessori; Borsa protettiva per un paio di stivali e casco o accessori
35,00 EUR
Articolo precedenteSassotetto e Santa Maria Maddalena, via libera al restyling della stazione sciistica di Sarnano
Articolo successivoSarnano, cercasi personale per il rifugio baita Solaria