Villa Lucio e il mistero della baronessa Rothschild

Villa Lucio Bolognola - Credits Luca Tambella
Villa Lucio Bolognola - Credits Luca Tambella

Quanti di voi conoscono la storia di Jeannette May, più amosa come la baronessa di Rothschild? Ne abbiamo parlato proprio qui qualche tempo fa, raccontandovi di una misteriosa sparizione avvenuta sui Monti Sibillini nel 1980, nella località di Sarnano.

Questo mistero ancora non è stato risolto e il suo eco non si è placato. Molte sono infatti le voci, ora, che vorrebbero la famosa Villa Lucio (situata nel territorio comunale di Bolognola e non come molti credono in quello di Sarnano) come luogo in cui si sono rifugiate la baronessa e la sua amica proprio durante la tormenta di neve che le ha sorprese la notte della sparizione.

In realtà le prove e i documenti allontanano questa ipotesi, e riportano invece come luogo di rifugio delle due donne Villa Galloppa, una piccola baita vicino al Santuario di San Liberato e all’Eremo di Soffiano. Jeannette May de Rothschild aveva deciso di acquistare una casa nei pressi di Sarnano, precisamente a Schito. Alloggiava, in quel periodo, presso l’albergo I Pini insieme alla sua dama di compagnia Gabriella Guerrin.

Dove si trova Villa Galloppa?

La baronessa di Rothschild e la sua dama sono scomparse il 20 novembre del 1980, dopo essere state viste per l’ultima volta nella piazza di Sarnano alle ore 19. I loro resti sono stati trovati dopo 14 mesi, il 27 gennaio 1982, vicino al Lago di Fiastra all’interno di un bosco. Dal primo momento si è subito pensato ad una morte causata da un assideramento, viste appunto le avverse condizioni atmosferiche che c’erano quella sera mentre le donne stavano facendo una passeggiata.

Questa ipotesi però è sembrata da subito improbabile, e l’ipotesi più accreditata divenne quella dell’omicidio. Ecco che quindi la storia diventò famosissima. Pian piano iniziarono anche a venire a galla i legami familiari di Jeannette, ex moglie di uno degli eredi Rothschild e sposata a quell’epoca con un proprietario di grandi magazzini inglesi.

L’auto delle due donne è stata ritrovata dopo qualche giorno dall’inizio delle ricerche. Ferma lungo un rettilineo, senza apparenti difetti, ma ricoperta da un alto strato di neve che era caduto nei giorni seguenti la loro scomparsa. Si erano dirette verso Sassotetto, a dimostrazione di come la Rothschild e la Guerrin stessero cercando qualcosa. Tracce delle donne sono state trovate all’interno di Villa Galloppa, un rifugio utilizzato solitamente dai pastori di zona. Non si sa se si sono accampate lì per qualche ora o per più giorni. la decisione di lasciare la villa per dirigersi verso il centro abitato è stata fatale.

Le indagini furono quindi riaperte perché si stabilì che al momento della partenza da Sarnano della macchina che trasportava le donne, della neve quel giorno non vi era traccia. Per i più, la Rothschild era entrata in un giro più grande di lei, essendo comunque una donna di origini modeste che aveva poi fatto una scalata sociale grazie al marito. Alle indagini presero parte anche l’ex marito e il console inglese. Ma qual era il motivo alla base dello spostamento delle donne? Molte le ipotesi: imprudenza, giri loschi, ricettazione di gioielli e quadri, traffici di armi e droga.

Va ricordato che la Rothschild era una donna che viveva nel lusso e nello sfarzo e che frequentava ambienti di un certo tipo, tanto che il suo nome era apparso nelle indagini del caso Orlandi e di un grosso furto di opere d’arte. Nessuna richiesta di riscatto, e quindi nessn sequestro di persona, ma forse un appuntamento segreto. Cosa accadde quella notte? O le donne non sono mai arrivate al luogo dell’appuntamento, o vi arrivarono e successe qualcosa.

L’orologio da polso della baronessa (un Omega automatico), fu trovato vicino al suo corpo fermo alla data del 12 dicembre, due settimane dopo la scomparsa. Le don e rimasero nella bufera per 13 giorni o ci fu un depistaggio? Forse i loro corpi furono spostati? Molte delle ossa non furono mai ritrovate, e ancora sono decine i punti interrogativi su questa vicenda che lega storia e leggenda, tradizione e crimine.

Il documentario di Alessandro Galassi intitolato “Il posto della neve” sul mistero della baronessa di Rothschild

OffertaBestseller N. 3
L'improbabilità dell'amore
L'improbabilità dell'amore
Rothschild, Hannah (Author)
18,05 EUR
Bestseller N. 4
ROTHSCHILD : LA DINASTIA DEL DENARO
ROTHSCHILD : LA DINASTIA DEL DENARO
Pontino, Anonimo (Author)
15,60 EUR
OffertaBestseller N. 6
Casa Trelawney
Casa Trelawney
Rothschild, Hannah (Author)
18,05 EUR
OffertaBestseller N. 7
I Rothschild. I banchieri più ricchi della storia
I Rothschild. I banchieri più ricchi della storia
Bouvier, Jean (Author)
19,00 EUR
Bestseller N. 8
La famiglia più potente del mondo: I Rothschild
La famiglia più potente del mondo: I Rothschild
Spina, Giuliano (Author)
6,97 EUR
Bestseller N. 10
Articolo precedenteKendall Jenner sulla neve in micro bikini ma si scalda con gli stivali di pelo
Articolo successivoVilla Lucio Bolognola